REVIVISCENZE MUSICALI

Reviviscenze musicali” è una rassegna ideata e fortemente voluta da Giovanni Tommasi e Manuela Codazzi con il preciso scopo di “utilizzare” l’arte a 360° per raccogliere fondi da destinare ad attività sociali.

Cos’è oggi viene ben spiegato da Manuela in queste poche righe.

Reviviscenze musicali: un abbraccio di Musica che stringe anche l’Arte per crescere insieme.

Crediamo fermamente nel valore della Cultura, dell’Arte e dell’Istruzione come strumenti di crescita dell’essere umano, soprattutto oggi in cui stiamo vivendo un momento di forte crisi non solo economica ma soprattutto nei valori profondi che sembrano sgretolarsi con il susseguirsi delle generazioni.

Ciò che ci ha spinto verso questo ambizioso progetto è credere che fare e promuovere Cultura attraverso gli strumenti della Musica e dell’Arte possa essere un mezzo efficace non solo per alimentare le nostre personali passioni ma anche per suscitare emozioni che possono diventare di stimolo per apprezzare il Bello, puro e indispensabile nutrimento dell’anima.

La rassegna “Reviviscenze musicali” è nata nell’anno 2020 come profonda reazione a quel tristissimo periodo di lockdown che ha impedito a tanti artisti di potersi esprimere e di assaporare il contatto con il loro pubblico. C’era anche la forte volontà di lanciare un messaggio in cui si percepiva che la Cultura doveva assolutamente tornare a vivere e ad alimentarci.

E’ così che abbiamo realizzato con tanta intraprendenza e anche un briciolo di sana incoscienza il primo concerto italiano in streaming il 30.05.2020 con orchestra in presenza quando il pubblico ancora non poteva presenziare.
L’evento si è svolto a Gazzada Schianno (Va) in villa De Strens ,sede del Municipio, con l’acquisizione del patrocinio.

Il successo che ne è seguito ci ha fortemente motivato a procedere su questa strada e nell’autunno dello stesso anno è stata realizzata la prima edizione della rassegna Reviviscenze Musicali.

Il progetto ha richiesto un grandissimo impegno sia economico che di energie personali, ma ci abbiamo creduto fortemente e ce l’abbiamo fatta.

Nelle future edizioni della Rassegna vorremmo tanto dare continuità a questo primo progetto, la passione e i principi citati in premessa sono ancora vivi, ora come allora, vorremmo anzi ampliare l’azione includendo anche artisti che operano nel campo delle arti figurative che ci accompagneranno ad ogni incontro musicale, insomma un felice nuovo connubio nel quale le discipline si valorizzano reciprocamente.

La rassegna gode del sostegno della Fondazione Jupiter che vede peraltro nell’organico della sua Insubria Chamber Orchestra, diretta dal M° Giorgio Rodolfo Marini, un numero considerevole di giovani promesse e affermati musicisti tra cui il M° Carlo Levi Minzi, pianista di fama internazionale..

Da ultimo, ma non per minore importanza, è l’impronta sociale che si vuole imprimere in questo percorso di crescita dell’individuo attraverso la promozione della Cultura e lo vogliamo fare con l’Associazione ArtAndCharity o.d.v. per poter realizzare i numerosi progetti di beneficenza in programma.